L’ultima enciclica di Papa Benedetto XVI, “Caritas in veritate”, pone con forza l’urgenza e la necessità di recuperare la dimensione relazionale e di applicare il principio di fraternità a tutti gli ambiti sociali, non solo alla società civile ma anche allo Stato e alla politica, all’economia e al lavoro. Il lavoro diviene così un bene intimamente relazionale, finalizzato alla santificazione del lavoro stesso, di se stessi e degli altri, e non alla ricchezza o al successo in sé. Si tratta di un nuovo ethos del lavoro, in cui esso non è più concepito in modo utilitaristico e funzionale alla sola autorealizzazione, bensì vissuto come ambito di intima propensione alla socialità e aperto ai significati ultimi della vita. In questo senso il lavoro non è più fonte di possibile alienazione, bensì occasione di relazioni di reciproca valorizzazione, in uno spirito di gratuità e reciprocità, cooperazione e condivisione, dunque una possibile strada per perseguire il «vero sviluppo» della persona, della società e dell’umanità intera.

Il lavoro, bene intimamente relazionale. Per un nuovo ethos del lavoro.

MUSSONI, MAURIZIO
2010

Abstract

L’ultima enciclica di Papa Benedetto XVI, “Caritas in veritate”, pone con forza l’urgenza e la necessità di recuperare la dimensione relazionale e di applicare il principio di fraternità a tutti gli ambiti sociali, non solo alla società civile ma anche allo Stato e alla politica, all’economia e al lavoro. Il lavoro diviene così un bene intimamente relazionale, finalizzato alla santificazione del lavoro stesso, di se stessi e degli altri, e non alla ricchezza o al successo in sé. Si tratta di un nuovo ethos del lavoro, in cui esso non è più concepito in modo utilitaristico e funzionale alla sola autorealizzazione, bensì vissuto come ambito di intima propensione alla socialità e aperto ai significati ultimi della vita. In questo senso il lavoro non è più fonte di possibile alienazione, bensì occasione di relazioni di reciproca valorizzazione, in uno spirito di gratuità e reciprocità, cooperazione e condivisione, dunque una possibile strada per perseguire il «vero sviluppo» della persona, della società e dell’umanità intera.
2010
La struttura dei legami. Forme e luoghi della relazione.
179
185
Mussoni M.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/92595
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact