Nel presente contributo, che costituisce uno dei risultati del progetto europeo EUROPLACEMENT – Expertising and Sharing Lifelong Guidance for the Placement (Transfer of Innovation, 2008-2010), viene affrontato innanzitutto il problema dell’uso dell’e-portfolio mettendone in rilievo le peculiarità rispetto al portfolio cartaceo quali la facilità di accesso e di consultazione, la possibilità di supportare processi diversificati di riflessione e di connessione tra le prove, la facilità di trasporto e la facilità di condivisione e di ricezione di feedback. Attraverso un’analisi sistematica della letteratura internazionale, ne viene poi esplorata la varietà di definizioni e applicazioni nel complesso ambito dell’istruzione superiore attraversato da forti cambiamenti e sfide, allo scopo di evidenziarne gli elementi chiave che vengono individuati nella raccolta e nella selezione intenzionali, da parte del soggetto autore dell’e-portfolio, di prove/evidenze/prodotti dei suoi apprendimento e delle sue competenze, nel suo processo di “riflessione” su prodotti/oggetti/idee che gli assegna un chiaro diritto di proprietà e un ruolo unico nell’ambito dell’e-portfolio, nella sua rappresentazione delle relazioni tra i diversi item/evidenze; a partire dallo stesso repository di prove/evidenze può infatti essere creato più di un portfolio per valorizzare i propri “beni” in un particolare contesto. Lo studio prosegue con l’analisi di ricerche empiriche,compiute soprattutto nel contesto lavorativo australiano, tese a rilevare la percezione dei benefici dell’uso dell’Australian e-portfolio toolkit da parte dei datori di lavoro, enti professionali e servizi per lo sviluppo di carriera, in particolare sul reclutamento e sul processo di valutazione, sull’analisi dei bisogni, sullo sviluppo professionale continuo, sul riconoscimento delle competenze e sull’internazionalizzazione della forza lavoro. Nel contributo infine, vengono sviluppati riflessioni e interrogativi per la costruzione e la validazione dell’e-portfolio in ambito universitario, finalizzato a supportare da un lato gli studenti e laureandi nel processo di ricerca del lavoro, dall’altro gli operatori degli uffici di Placement.

L'e-portfolio degli studenti universitari a sostegno del loro processo di sviluppo professionale

GIOVANNINI, MARIA LUCIA;MORETTI, MICHELA
2010

Abstract

Nel presente contributo, che costituisce uno dei risultati del progetto europeo EUROPLACEMENT – Expertising and Sharing Lifelong Guidance for the Placement (Transfer of Innovation, 2008-2010), viene affrontato innanzitutto il problema dell’uso dell’e-portfolio mettendone in rilievo le peculiarità rispetto al portfolio cartaceo quali la facilità di accesso e di consultazione, la possibilità di supportare processi diversificati di riflessione e di connessione tra le prove, la facilità di trasporto e la facilità di condivisione e di ricezione di feedback. Attraverso un’analisi sistematica della letteratura internazionale, ne viene poi esplorata la varietà di definizioni e applicazioni nel complesso ambito dell’istruzione superiore attraversato da forti cambiamenti e sfide, allo scopo di evidenziarne gli elementi chiave che vengono individuati nella raccolta e nella selezione intenzionali, da parte del soggetto autore dell’e-portfolio, di prove/evidenze/prodotti dei suoi apprendimento e delle sue competenze, nel suo processo di “riflessione” su prodotti/oggetti/idee che gli assegna un chiaro diritto di proprietà e un ruolo unico nell’ambito dell’e-portfolio, nella sua rappresentazione delle relazioni tra i diversi item/evidenze; a partire dallo stesso repository di prove/evidenze può infatti essere creato più di un portfolio per valorizzare i propri “beni” in un particolare contesto. Lo studio prosegue con l’analisi di ricerche empiriche,compiute soprattutto nel contesto lavorativo australiano, tese a rilevare la percezione dei benefici dell’uso dell’Australian e-portfolio toolkit da parte dei datori di lavoro, enti professionali e servizi per lo sviluppo di carriera, in particolare sul reclutamento e sul processo di valutazione, sull’analisi dei bisogni, sullo sviluppo professionale continuo, sul riconoscimento delle competenze e sull’internazionalizzazione della forza lavoro. Nel contributo infine, vengono sviluppati riflessioni e interrogativi per la costruzione e la validazione dell’e-portfolio in ambito universitario, finalizzato a supportare da un lato gli studenti e laureandi nel processo di ricerca del lavoro, dall’altro gli operatori degli uffici di Placement.
il progetto europlacement e la problematica del lavoro giovanile
141
163
Giovannini M. L.; Moretti M.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/92216
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact