Il libro di Michelangelo Giampaoli mostra come, lungi dal limitarsi a essere uno spazio dei morti e per i morti, un cimitero è anche, e forse soprattutto, uno spazio per i vivi, che ci offre una possibilità di riflessione sulla storia, sull’arte, sulla realtà sociale in cui è inserito, della quale rispecchia contraddizioni e cambiamenti. Differenze di classe, di provenienza geografica, di religione trovano nel contesto cimiteriale una modalità espressiva peculiare, che l’analisi antropologica può cogliere in tutta la sua ricchezza e complessità.

Prefazione / Cristiana Natali. - STAMPA. - (2023), pp. 7-9.

Prefazione

Cristiana Natali
2023

Abstract

Il libro di Michelangelo Giampaoli mostra come, lungi dal limitarsi a essere uno spazio dei morti e per i morti, un cimitero è anche, e forse soprattutto, uno spazio per i vivi, che ci offre una possibilità di riflessione sulla storia, sull’arte, sulla realtà sociale in cui è inserito, della quale rispecchia contraddizioni e cambiamenti. Differenze di classe, di provenienza geografica, di religione trovano nel contesto cimiteriale una modalità espressiva peculiare, che l’analisi antropologica può cogliere in tutta la sua ricchezza e complessità.
2023
La vita sociale dei cimiteri
7
9
Prefazione / Cristiana Natali. - STAMPA. - (2023), pp. 7-9.
Cristiana Natali
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/916762
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact