L’intervento mira a ricostruire la vicenda redazionale del saggio di Fortini Lukács in Italia, apparso nell’ultimo numero di «Officina» dopo essere stato osteggiato dal gruppo direttivo della rivista, di cui lo stesso Fortini faceva parte, e aver subito tagli e modifiche sostanziali che l’autore denuncerà come atti di «vera e propria censura». Attorno al “caso Lukács” si condensarono le ambiguità di una direzione politicamente unitaria della rivista, mettendo in luce lo scontro ideologico intestino che segnerà la fine dell’esperienza officinesca.

Il Lukács di Fortini e la fine di «Officina»

Alessandro Vuozzo
2022

Abstract

L’intervento mira a ricostruire la vicenda redazionale del saggio di Fortini Lukács in Italia, apparso nell’ultimo numero di «Officina» dopo essere stato osteggiato dal gruppo direttivo della rivista, di cui lo stesso Fortini faceva parte, e aver subito tagli e modifiche sostanziali che l’autore denuncerà come atti di «vera e propria censura». Attorno al “caso Lukács” si condensarono le ambiguità di una direzione politicamente unitaria della rivista, mettendo in luce lo scontro ideologico intestino che segnerà la fine dell’esperienza officinesca.
2022
Il testo violato e l'inchiostro bianco. Varianti d'autore e potere
183
196
Alessandro Vuozzo
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/916633
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact