Premesso un excursus storico sull'evoluzione nel corso dei secoli della considerazione della finalità procreativa nella disciplina del matrimonio canonico, il contributo si sofferma in particolare sulle innovazioni che il vigente Codex Iuris Canonici, sulle orme del personalismo inaugurato dal Concilio Vaticano II, ha introdotto in materia. Attraverso l'analisi di specifici istituti canonistici, quali in particolare l'impedimento di impotenza, la copula carnale e la consumazione del matrimonio, la "scientia minima" necessaria per prestare un valido consenso nuziale e soprattutto l'esclusione della "ordinatio ad bonum prolis" quale motivo di nullità del vincolo, si traggono una serie di conclusioni circa il rapporto che nello "ius Ecclesiae" lega il matrimonio all'esercizio della sessualità ed alla generazione. Il modello matrimoniale canonico si trova oggi dinanzi alle nuove e difficili sfide poste dal progresso incontenibile delle biotecnologie applicate all'uomo. Ma i capisaldi del diritto matrimoniale canonico ed a monte dell'archetipo matrimoniale che la Chiesa vuole incardinato su un disegno divino immutabile paiono resistere alle ossessioni prometeiche della civiltà contemporanea, sempre più protesa ad accordare agli individui uno "ius ad prolem" incondizionato: diritto che assolutamente non può trovare ingresso nell'ordinamento canonico.

Alcune considerazioni su procreazione e sessualità nel matrimonio canonico

BONI, GERALDINA
2010

Abstract

Premesso un excursus storico sull'evoluzione nel corso dei secoli della considerazione della finalità procreativa nella disciplina del matrimonio canonico, il contributo si sofferma in particolare sulle innovazioni che il vigente Codex Iuris Canonici, sulle orme del personalismo inaugurato dal Concilio Vaticano II, ha introdotto in materia. Attraverso l'analisi di specifici istituti canonistici, quali in particolare l'impedimento di impotenza, la copula carnale e la consumazione del matrimonio, la "scientia minima" necessaria per prestare un valido consenso nuziale e soprattutto l'esclusione della "ordinatio ad bonum prolis" quale motivo di nullità del vincolo, si traggono una serie di conclusioni circa il rapporto che nello "ius Ecclesiae" lega il matrimonio all'esercizio della sessualità ed alla generazione. Il modello matrimoniale canonico si trova oggi dinanzi alle nuove e difficili sfide poste dal progresso incontenibile delle biotecnologie applicate all'uomo. Ma i capisaldi del diritto matrimoniale canonico ed a monte dell'archetipo matrimoniale che la Chiesa vuole incardinato su un disegno divino immutabile paiono resistere alle ossessioni prometeiche della civiltà contemporanea, sempre più protesa ad accordare agli individui uno "ius ad prolem" incondizionato: diritto che assolutamente non può trovare ingresso nell'ordinamento canonico.
2010
"Iustitia et iudicium". Studi di diritto matrimoniale e processuale canonico in onore di Antoni Stankiewicz - vol. I
183
206
Boni G.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2010 Alcune considerazioni su procreazione e sessualità....pdf

accesso riservato

Tipo: Versione (PDF) editoriale
Licenza: Licenza per accesso riservato
Dimensione 465.09 kB
Formato Adobe PDF
465.09 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Contatta l'autore

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/91254
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact