Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n. 53 del 5 marzo 2010 del d.lgs. 4 marzo 2010 n. 28, è stato introdotto nell’ordinamento giuridico italiano il nuovo istituto della mediazione civile e commerciale quale metodo di risoluzione delle controversie alternativo rispetto all’ordinario processo di cognizione e all’arbitrato, destinato a rivoluzionare l’approccio al contenzioso. Obiettivo principale della riforma è stato quello di permettere a chiunque di rivolgersi a un mediatore professionista con requisiti di terzietà presso un Organismo riconosciuto dal Ministero della Giustizia al fine di giungere in tempi rapidi e in modo economicamente conveniente o ad un accordo di amichevole composizione ovvero alla formulazione di una proposta per la risoluzione di qualsivoglia controversia civile e commerciale. In particolare, il legislatore con il d.lgs. n. 28/2010 ha voluto imporre per alcune materie l’istituto della mediazione obbligatoria, intendendo, dunque, la mediazione come un metodo non solo alternativo, ma complementare e integrativo rispetto alla giustizia ordinaria.

La nuova disciplina della mediazione delle controversie civili e commerciali. Commentario al d.lgs. 4 marzo 2010, n. 28

SOLDATI, NICOLA;
2010

Abstract

Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n. 53 del 5 marzo 2010 del d.lgs. 4 marzo 2010 n. 28, è stato introdotto nell’ordinamento giuridico italiano il nuovo istituto della mediazione civile e commerciale quale metodo di risoluzione delle controversie alternativo rispetto all’ordinario processo di cognizione e all’arbitrato, destinato a rivoluzionare l’approccio al contenzioso. Obiettivo principale della riforma è stato quello di permettere a chiunque di rivolgersi a un mediatore professionista con requisiti di terzietà presso un Organismo riconosciuto dal Ministero della Giustizia al fine di giungere in tempi rapidi e in modo economicamente conveniente o ad un accordo di amichevole composizione ovvero alla formulazione di una proposta per la risoluzione di qualsivoglia controversia civile e commerciale. In particolare, il legislatore con il d.lgs. n. 28/2010 ha voluto imporre per alcune materie l’istituto della mediazione obbligatoria, intendendo, dunque, la mediazione come un metodo non solo alternativo, ma complementare e integrativo rispetto alla giustizia ordinaria.
383
8814154651
Soldati N.; Bandini A.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/90732
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact