Si ripercorre la formazione culturale di Italo Svevo, sia per la parte in lingua tedesca (Schiller, Heine, Jean Paul, Schopenhauer), sia per quella italiana (Carducci, Verga) e francese (Balzac, Flaubert, Zola, Daudet Maupassant), senza trascurare la matrice ebraica. Se ne vedono poi gli influssi nella sua narrativa, in primo luogo nella «Coscienza di Zeno», in cui si metono in luce le componenti comuni ad altra letteratura mitteleuropea, da Kafka a Thomas Mann e a Musil.

Italo Svevo a la cultura mitteleuropea

BATTISTINI, ANDREA
2010

Abstract

Si ripercorre la formazione culturale di Italo Svevo, sia per la parte in lingua tedesca (Schiller, Heine, Jean Paul, Schopenhauer), sia per quella italiana (Carducci, Verga) e francese (Balzac, Flaubert, Zola, Daudet Maupassant), senza trascurare la matrice ebraica. Se ne vedono poi gli influssi nella sua narrativa, in primo luogo nella «Coscienza di Zeno», in cui si metono in luce le componenti comuni ad altra letteratura mitteleuropea, da Kafka a Thomas Mann e a Musil.
Il cammino dell’integrazione
59
81
Battistini A.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/90696
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact