In questo lavoro affronto il concetto di contraddizione performativa, con particolare riferimento all'uso fondazionale che di questo concetto si è fatto nella filosofia morale e giuridica degli ultimi quarant'anni. Nel corso del paper, ricollego tale uso fondazionale all'argomentazione pragmatico-trascendentale, ricostruendo alcuni esempi di questo tipo di argomentazione così come essi emergono nella Metafisica di Aristotele, nella kantiana Critica della ragion pura, nel Tractatus logico-philosophicus ed in Della certezza di Wittgenstein, nell'etica del discorso di Karl Otto Apel.

Sulla funzione fondazionale della contraddizione performativa

ROVERSI, CORRADO
2010

Abstract

In questo lavoro affronto il concetto di contraddizione performativa, con particolare riferimento all'uso fondazionale che di questo concetto si è fatto nella filosofia morale e giuridica degli ultimi quarant'anni. Nel corso del paper, ricollego tale uso fondazionale all'argomentazione pragmatico-trascendentale, ricostruendo alcuni esempi di questo tipo di argomentazione così come essi emergono nella Metafisica di Aristotele, nella kantiana Critica della ragion pura, nel Tractatus logico-philosophicus ed in Della certezza di Wittgenstein, nell'etica del discorso di Karl Otto Apel.
La contradizion che nol consente. Forme del sapere e valore del principio di non contraddizione
223
251
C. Roversi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/90433
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact