Sulla funzione fondazionale della contraddizione performativa