La monografia offre una panoramica e un inquadramento critico sulle possibili basi giuridiche della disciplina costituzionale del consumo. Ripercorrendo le principali posizioni succedutesi nella letteratura scientifica, l’indagine ricostruisce le teorie che hanno ritenuto di ravvisare nella Carta repubblicana una tutela soggettiva del consumatore già perfetta, e quelle che invece hanno considerato più congruo ipotizzare che gli aspetti obiettivi di garanzia e di protezione del soggetto più debole del rapporto di consumo andassero radicati piuttosto nei limiti alla libera iniziativa economica privata. Sviluppando particolarmente quest’ultimo aspetto, l’analisi – condotta sempre sul piano costituzionale, ma attenta tanto alle premesse sul piano della normazione comunitaria (originaria e derivata), quanto agli sviluppi sul piano interno (su tutti, il recente Codice del consumo) – si articola sulle direttrici delle “clausole generali” (utilità sociale, libertà, dignità, sicurezza) nelle quali si risolvono i limiti di cui al secondo comma dell’art. 41 Cost. In questa chiave, l’ipotesi è che possa essere proprio la particolare struttura delle clausole generali in parola – con la loro capacità di adeguamento del diritto alla cangiante realtà storico-sociale – a costituire lo strumento per offrire in prospettiva copertura costituzionale anche alle nuove dimensioni del consumo.

Principi costituzionali in tema di consumo

PEDRINI, FEDERICO
2010

Abstract

La monografia offre una panoramica e un inquadramento critico sulle possibili basi giuridiche della disciplina costituzionale del consumo. Ripercorrendo le principali posizioni succedutesi nella letteratura scientifica, l’indagine ricostruisce le teorie che hanno ritenuto di ravvisare nella Carta repubblicana una tutela soggettiva del consumatore già perfetta, e quelle che invece hanno considerato più congruo ipotizzare che gli aspetti obiettivi di garanzia e di protezione del soggetto più debole del rapporto di consumo andassero radicati piuttosto nei limiti alla libera iniziativa economica privata. Sviluppando particolarmente quest’ultimo aspetto, l’analisi – condotta sempre sul piano costituzionale, ma attenta tanto alle premesse sul piano della normazione comunitaria (originaria e derivata), quanto agli sviluppi sul piano interno (su tutti, il recente Codice del consumo) – si articola sulle direttrici delle “clausole generali” (utilità sociale, libertà, dignità, sicurezza) nelle quali si risolvono i limiti di cui al secondo comma dell’art. 41 Cost. In questa chiave, l’ipotesi è che possa essere proprio la particolare struttura delle clausole generali in parola – con la loro capacità di adeguamento del diritto alla cangiante realtà storico-sociale – a costituire lo strumento per offrire in prospettiva copertura costituzionale anche alle nuove dimensioni del consumo.
230
8860710464
9788860710468
F. Pedrini
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/89902
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact