La strategia della normalizzazione nelle famiglie con bambini affetti da malattia emorragica congenita