Il tank o cisterna progettata per la raccolta dell’acqua e per le sacre abluzioni è un dispositivo architettonico concepito come unità spaziale autonoma presente in diverse regioni del subcontinente indiano. Banganga Tank, costruita nel 1127 in prossimità della costa affacciata sul mar Arabico, è la cisterna più antica di Mumbai e rappresenta ancora il principale centro di pellegrinaggio della comunità induista, il luogo in cui l’acqua possiede ancora una valenza mitica. Banganga configura un vuoto urbano inatteso all’interno del sistema edificato compatto della città, costituendo il riferimento architettonico e spaziale da cui si è generato il disegno del tessuto urbano storico immediatamente circostante. Un patrimonio unico in cui gli antichi legami tra le architetture cultuali, 108 templi originari, e il disegno dello spazio pubblico mostrano le tracce della loro presenza rinnovando la relazione speciale che permane tra acqua e vita, tra carattere storico e simbolico delle architetture edificate. Il valore storico della cisterna, potenziato dopo il restauro avvenuto negli anni ’90 che ha riguardato principalmente il perimetro della vasca sacra, ha incrementato un flusso turistico internazionale contemplando Banganga tra le mete principali di Mumbai. Negli ultimi cinquant’anni l’espansione urbana ha però inglobato la cisterna assecondando unicamente logiche globali proprie delle megalopoli asiatiche e ponendo scarsissima attenzione a un patrimonio storico consolidato e universalmente riconosciuto. A fronte delle grandi potenzialità offerte dal sito e degli eventi che vi si svolgono ciclicamente richiamando flussi turistici crescenti, l’area risulta totalmente priva di strutture ricettive e il degrado in cui versano gli edifici e lo spazio pubblico descrivono, soltanto in parte, la gravità di una situazione che mostra una saturazione delle aree libere occupate da alloggi informali in continua espansione. A fronte della gravità in cui versa il sito ma anche delle grandi potenzialità connaturate con i caratteri del luogo e soprattutto con il patrimonio architettonico in esso presente, il contributo intende presentare, a partire dallo studio del tessuto urbano dell’intera area e degli specifici elementi, una serie di ipotesi progettuali tese ad individuare nuove strategie d’intervento. Le proposte progettuali trovano la loro premessa in un processo di rigenerazione che, assumendo la valorizzazione del patrimonio presente come principio fondativo, pone le basi per una riqualificazione del luogo dedicando particolare attenzione alle comunità insediate e alle loro tradizioni. La dimensione culturale preservata dalle comunità stesse potrà essere portatrice di valori su cui impostare nuove azioni finalizzate ad assicurare condizioni di vita più salubri per i residenti. Ma essa potrà suggerire anche nuove strategie per un turismo più consapevole nel rispetto del senso del luogo e dell’acqua, elemento alla base della tradizione indiana.

Banganga Tank in Mumbai. Sacred Space and Urban Imagination

S. Rossl
2022

Abstract

Il tank o cisterna progettata per la raccolta dell’acqua e per le sacre abluzioni è un dispositivo architettonico concepito come unità spaziale autonoma presente in diverse regioni del subcontinente indiano. Banganga Tank, costruita nel 1127 in prossimità della costa affacciata sul mar Arabico, è la cisterna più antica di Mumbai e rappresenta ancora il principale centro di pellegrinaggio della comunità induista, il luogo in cui l’acqua possiede ancora una valenza mitica. Banganga configura un vuoto urbano inatteso all’interno del sistema edificato compatto della città, costituendo il riferimento architettonico e spaziale da cui si è generato il disegno del tessuto urbano storico immediatamente circostante. Un patrimonio unico in cui gli antichi legami tra le architetture cultuali, 108 templi originari, e il disegno dello spazio pubblico mostrano le tracce della loro presenza rinnovando la relazione speciale che permane tra acqua e vita, tra carattere storico e simbolico delle architetture edificate. Il valore storico della cisterna, potenziato dopo il restauro avvenuto negli anni ’90 che ha riguardato principalmente il perimetro della vasca sacra, ha incrementato un flusso turistico internazionale contemplando Banganga tra le mete principali di Mumbai. Negli ultimi cinquant’anni l’espansione urbana ha però inglobato la cisterna assecondando unicamente logiche globali proprie delle megalopoli asiatiche e ponendo scarsissima attenzione a un patrimonio storico consolidato e universalmente riconosciuto. A fronte delle grandi potenzialità offerte dal sito e degli eventi che vi si svolgono ciclicamente richiamando flussi turistici crescenti, l’area risulta totalmente priva di strutture ricettive e il degrado in cui versano gli edifici e lo spazio pubblico descrivono, soltanto in parte, la gravità di una situazione che mostra una saturazione delle aree libere occupate da alloggi informali in continua espansione. A fronte della gravità in cui versa il sito ma anche delle grandi potenzialità connaturate con i caratteri del luogo e soprattutto con il patrimonio architettonico in esso presente, il contributo intende presentare, a partire dallo studio del tessuto urbano dell’intera area e degli specifici elementi, una serie di ipotesi progettuali tese ad individuare nuove strategie d’intervento. Le proposte progettuali trovano la loro premessa in un processo di rigenerazione che, assumendo la valorizzazione del patrimonio presente come principio fondativo, pone le basi per una riqualificazione del luogo dedicando particolare attenzione alle comunità insediate e alle loro tradizioni. La dimensione culturale preservata dalle comunità stesse potrà essere portatrice di valori su cui impostare nuove azioni finalizzate ad assicurare condizioni di vita più salubri per i residenti. Ma essa potrà suggerire anche nuove strategie per un turismo più consapevole nel rispetto del senso del luogo e dell’acqua, elemento alla base della tradizione indiana.
DHTL - Designing Heritage Tourism Landscapes. Between Sense of Time and Sense of Place
680
687
S.Rossl
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/895183
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact