Viene presa in esame l'attività di alcuni intellettuali gravitanti intorno all'Accademia Clementina di Pittura, Scultura e Architettura dell'Istituto delle Scienze di di Bologna, impegnati nello studio dell'antichità dopo gli scavi pompeiani. In particolare un ex gesuita, Vincenzo Requeno, ricercatore dalla personalità multiforme, che scrisse di linguistica, musica, gestualità, pittura, si impegnò nella sperimentazione della pittura all'encausto, la moda del tempo, nella convinzione che il legante a cera potesse garantire maggiore durata alle pitture. In Bologna fu coadiuvato da un altro singolare personaggio, il conte Cesare Massimiliano Gini, che gli offerse la casa, adorna di pitture all'antica, per procedere con le sperimentazioni e incise nella sua calcografia, all'insegna di Ludovico Inig, le due illustrazioni che corredano i saggi sul ristabilimento dell'antica arte de' Greci e Romani pittori che fu stampato dal Bodoni nel 1787, un circolo virtuoso che conferma non solo la vastità di interessi degli accademici anche bolognesi ma anche i modi e i metodi di trasmissione del sapere, in un'epoca in cui il cosmopolitismo fu uno valori dei più significativi.

L'antichità come futuro. Il sogno dell'antico nel Settecento europeo / Donatella Biagi. - STAMPA. - 40:(2022), pp. 25-37.

L'antichità come futuro. Il sogno dell'antico nel Settecento europeo

Donatella Biagi
2022

Abstract

Viene presa in esame l'attività di alcuni intellettuali gravitanti intorno all'Accademia Clementina di Pittura, Scultura e Architettura dell'Istituto delle Scienze di di Bologna, impegnati nello studio dell'antichità dopo gli scavi pompeiani. In particolare un ex gesuita, Vincenzo Requeno, ricercatore dalla personalità multiforme, che scrisse di linguistica, musica, gestualità, pittura, si impegnò nella sperimentazione della pittura all'encausto, la moda del tempo, nella convinzione che il legante a cera potesse garantire maggiore durata alle pitture. In Bologna fu coadiuvato da un altro singolare personaggio, il conte Cesare Massimiliano Gini, che gli offerse la casa, adorna di pitture all'antica, per procedere con le sperimentazioni e incise nella sua calcografia, all'insegna di Ludovico Inig, le due illustrazioni che corredano i saggi sul ristabilimento dell'antica arte de' Greci e Romani pittori che fu stampato dal Bodoni nel 1787, un circolo virtuoso che conferma non solo la vastità di interessi degli accademici anche bolognesi ma anche i modi e i metodi di trasmissione del sapere, in un'epoca in cui il cosmopolitismo fu uno valori dei più significativi.
2022
L'invenzione del passato nel Settecento
25
37
L'antichità come futuro. Il sogno dell'antico nel Settecento europeo / Donatella Biagi. - STAMPA. - 40:(2022), pp. 25-37.
Donatella Biagi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/891453
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact