Ripensare la città con principi che seguono lo spirito della “città dei venti minuti” può cambiare in meglio la qualità della vita. Progettare quartieri o città con spazi abitativi a breve distanza dal lavoro e dai servizi può aumentare il benessere sociale. Oggi, nel mondo, si stanno sviluppando diverse sperimentazioni di questo tipo; eppure basta volgere lo sguardo indietro nel tempo per accorgersi che già negli anni Trenta del Novecento, dalla mente illuminata di Edmondo Rossoni nacque, anzi si “rifondò”, la città di Tresigallo. Questa realtà ebbe origine dal progetto di una città vivibile ed efficiente, dove tutte le attività coesistono armoniosamente e si integrano con il sistema del verde urbano, nell’interesse della collettività. Tutte le funzioni - da quella civica a quella sacra, dall’intrattenimento alla formazione ginnico-culturale, da quella sanitaria a quella produttiva - coesistono in uno spazio prossimo. Il tracciato che le lega s’impianta su un preciso schema urbano, costituito da edifici pubblici e privati residenziali, in cui si denota una grande attenzione per l’arredo urbano e per la progettazione del verde. Tresigallo rappresenta quindi una città dei “Sogni”, come riporta la scritta sull’edificio degli ex Bagni Pubblici. Sogni per chiunque abbia il desiderio di non vivere più in città frammentate.

Il benessere sociale quale fondamento dell’identità urbana / Cristiana Bartolomei, Cecilia MazzolI, Caterina Morganti. - STAMPA. - (2022), pp. 213-226.

Il benessere sociale quale fondamento dell’identità urbana.

Cristiana Bartolomei;Cecilia MazzolI;Caterina Morganti
2022

Abstract

Ripensare la città con principi che seguono lo spirito della “città dei venti minuti” può cambiare in meglio la qualità della vita. Progettare quartieri o città con spazi abitativi a breve distanza dal lavoro e dai servizi può aumentare il benessere sociale. Oggi, nel mondo, si stanno sviluppando diverse sperimentazioni di questo tipo; eppure basta volgere lo sguardo indietro nel tempo per accorgersi che già negli anni Trenta del Novecento, dalla mente illuminata di Edmondo Rossoni nacque, anzi si “rifondò”, la città di Tresigallo. Questa realtà ebbe origine dal progetto di una città vivibile ed efficiente, dove tutte le attività coesistono armoniosamente e si integrano con il sistema del verde urbano, nell’interesse della collettività. Tutte le funzioni - da quella civica a quella sacra, dall’intrattenimento alla formazione ginnico-culturale, da quella sanitaria a quella produttiva - coesistono in uno spazio prossimo. Il tracciato che le lega s’impianta su un preciso schema urbano, costituito da edifici pubblici e privati residenziali, in cui si denota una grande attenzione per l’arredo urbano e per la progettazione del verde. Tresigallo rappresenta quindi una città dei “Sogni”, come riporta la scritta sull’edificio degli ex Bagni Pubblici. Sogni per chiunque abbia il desiderio di non vivere più in città frammentate.
2022
Città Centrifughe Città come sostanza di cose sperate
213
226
Il benessere sociale quale fondamento dell’identità urbana / Cristiana Bartolomei, Cecilia MazzolI, Caterina Morganti. - STAMPA. - (2022), pp. 213-226.
Cristiana Bartolomei, Cecilia MazzolI, Caterina Morganti
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/889143
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact