L’interferenza nell’interpretazione simultanea: il caso della lingua inglese