L’ingente patrimonio bibliotecario italiano, prezioso sia dal punto di vista letterario, librario e documentario sia da quello storico-artistico, rappresenta il prodotto, concreto e metafisico, di un ampio ventaglio di storie personali, familiari e istituzionali, e di necessità professionali, curiosità scientifiche e interessi collezionistici suscettibili, attraverso specifici progetti ricostruttivi e indagativi, di un rinnovato interesse a fini sociali, educativi, scientifici e culturali.

L’importanza di reimmaginare le biblioteche storiche

Fiammetta Sabba
2022

Abstract

L’ingente patrimonio bibliotecario italiano, prezioso sia dal punto di vista letterario, librario e documentario sia da quello storico-artistico, rappresenta il prodotto, concreto e metafisico, di un ampio ventaglio di storie personali, familiari e istituzionali, e di necessità professionali, curiosità scientifiche e interessi collezionistici suscettibili, attraverso specifici progetti ricostruttivi e indagativi, di un rinnovato interesse a fini sociali, educativi, scientifici e culturali.
Reimmaginare la Grande Galleria. Forme del sapere tra età moderna e culture digitali. Atti del convegno internazionale, Torino, 1-9 dicembre 2020, a cura di E. Guadagnin, F. Varallo, M. Vivarelli
141
145
Fiammetta Sabba
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/878181
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact