Si sono svolte a Parma (Teatro delle Briciole Solares Fondazione delle Arti, dal 16 al 18 marzo 2009) e a L’Aquila (L’Uovo, Teatro Stabile di Innovazione Onlus, dall’1 al 3 aprile 2009) le Tappe di Selezione della 12ª edizione del Premio Scenario, promossa e realizzata dall’Associazione Scenario, con la direzione artistica di Cristina Valenti e la presidenza di Stefano Cipiciani. La 12a edizione del Premio Scenario, realizzata con il sostegno di ETI Ente Teatrale Italiano, con il contributo di MIBAC Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il patrocinio e il contributo della Regione Emilia-Romagna, ha ammesso 279 progetti, valutati da 11 commissioni di zona nei mesi precedenti le tappe di selezione. I progetti selezionati erano 54 (di cui 15 potenziali candidati per il Premio Scenario per Ustica), dei quali 28 sono stati presentati a Parma, gli altri nella tappa successiva de L’Aquila I lavori presentati nelle due Tappe sotto forma di studio scenico della durata di venti minuti concorrevano alla selezione dalla quale sono emersi i partecipanti alla Finale del Premio Scenario, ospitata a Santarcangelo e Longiano all’interno del progetto Santarcangelo 2009-2011, con la collaborazione di Santarcangelo dei Teatri e Teatro Petrella (19, 20, 21 giugno 2009). Collegato organicamente al Premio Scenario, il Premio Scenario per Ustica, rivolto a nuovi lavori dedicati alle tematiche dell’impegno civile e della memoria, è stato promosso dall’Associazione Parenti delle Vittime della Strage di Ustica e dall’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna. L’Osservatorio critico impegnato nella selezione dei progetti era formato da soci dell’Associazione Scenario e da due membri esterni: Sonia Antinori (drammaturga) e Michelangelo Campanale (regista e scenografo). Dall’edizione 2009 il Premio Scenario e il Premio Scenario per Ustica si presentano collegati in modo ancor più sostanziale, partecipando alle medesime fasi di selezione e di valutazione. I progetti concorrenti ai premi dedicati ai nuovi linguaggi per la ricerca e per l’impegno civile hanno incontrato perciò i medesimi Osservatori critici e le medesime Giurie, condividendo analoghe e paritetiche occasioni di confronto e di visibilità. Il Premio Scenario si rivolge a giovani sotto i 35 anni e seleziona progetti originali e inediti destinati alla scena. Le diverse fasi del premio, che si sviluppa nel corso di due anni attraverso il lavoro dei soci dell’Associazione Scenario e dei giurati esterni, si rivolgono a progetti scenici e non a lavori finiti, nell’intenzione di coglierne i possibili sviluppi e anche di scommettere sugli elementi di rischio, originalità, inventiva. Attualmente l’Associazione Scenario conta 37 strutture associate, ampiamente distribuite sul territorio nazionale e appartenenti all'ambito del teatro di innovazione, ovvero alle aree del “teatro ragazzi” e del “teatro di ricerca e sperimentazione”. Le Tappe di selezione , aperte al pubblico a ingresso libero, hanno visto una vasta partecipazione di pubblico, operatori, giovani artisti.

PREMIO SCENARIO 2009. XII Edizione. TAPPE DI SELEZIONE

VALENTI, CRISTINA
2009

Abstract

Si sono svolte a Parma (Teatro delle Briciole Solares Fondazione delle Arti, dal 16 al 18 marzo 2009) e a L’Aquila (L’Uovo, Teatro Stabile di Innovazione Onlus, dall’1 al 3 aprile 2009) le Tappe di Selezione della 12ª edizione del Premio Scenario, promossa e realizzata dall’Associazione Scenario, con la direzione artistica di Cristina Valenti e la presidenza di Stefano Cipiciani. La 12a edizione del Premio Scenario, realizzata con il sostegno di ETI Ente Teatrale Italiano, con il contributo di MIBAC Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il patrocinio e il contributo della Regione Emilia-Romagna, ha ammesso 279 progetti, valutati da 11 commissioni di zona nei mesi precedenti le tappe di selezione. I progetti selezionati erano 54 (di cui 15 potenziali candidati per il Premio Scenario per Ustica), dei quali 28 sono stati presentati a Parma, gli altri nella tappa successiva de L’Aquila I lavori presentati nelle due Tappe sotto forma di studio scenico della durata di venti minuti concorrevano alla selezione dalla quale sono emersi i partecipanti alla Finale del Premio Scenario, ospitata a Santarcangelo e Longiano all’interno del progetto Santarcangelo 2009-2011, con la collaborazione di Santarcangelo dei Teatri e Teatro Petrella (19, 20, 21 giugno 2009). Collegato organicamente al Premio Scenario, il Premio Scenario per Ustica, rivolto a nuovi lavori dedicati alle tematiche dell’impegno civile e della memoria, è stato promosso dall’Associazione Parenti delle Vittime della Strage di Ustica e dall’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna. L’Osservatorio critico impegnato nella selezione dei progetti era formato da soci dell’Associazione Scenario e da due membri esterni: Sonia Antinori (drammaturga) e Michelangelo Campanale (regista e scenografo). Dall’edizione 2009 il Premio Scenario e il Premio Scenario per Ustica si presentano collegati in modo ancor più sostanziale, partecipando alle medesime fasi di selezione e di valutazione. I progetti concorrenti ai premi dedicati ai nuovi linguaggi per la ricerca e per l’impegno civile hanno incontrato perciò i medesimi Osservatori critici e le medesime Giurie, condividendo analoghe e paritetiche occasioni di confronto e di visibilità. Il Premio Scenario si rivolge a giovani sotto i 35 anni e seleziona progetti originali e inediti destinati alla scena. Le diverse fasi del premio, che si sviluppa nel corso di due anni attraverso il lavoro dei soci dell’Associazione Scenario e dei giurati esterni, si rivolgono a progetti scenici e non a lavori finiti, nell’intenzione di coglierne i possibili sviluppi e anche di scommettere sugli elementi di rischio, originalità, inventiva. Attualmente l’Associazione Scenario conta 37 strutture associate, ampiamente distribuite sul territorio nazionale e appartenenti all'ambito del teatro di innovazione, ovvero alle aree del “teatro ragazzi” e del “teatro di ricerca e sperimentazione”. Le Tappe di selezione , aperte al pubblico a ingresso libero, hanno visto una vasta partecipazione di pubblico, operatori, giovani artisti.
2009
S. Cipiciani; C. Valenti
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/87593
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact