L’obiettivo di questo contributo è quello di riflettere su come l’Economia azien-dale, “disciplina volta ad assicurare il progresso economico, civile e sociale” svolga un ruolo fondamentale nel supportare le aziende a creare valore, attraverso le attività di pianificazione, gestione, controllo, creazione di valore e rendi-contazione, in linea con le esigenze contemporanei, sinteticamente espresse con il termine sviluppo sostenibile (SS). Il contributo (paragrafo 2) parte dalla considerazione del significato relativo alla creazione di valore, indicata da Giannessi negli anni ’60-‘70 (Giannessi, 1960), e si propone di riflettere su tale significato, ma in un’ottica contemporanea, alla luce del principio finalistico dello sviluppo sostenibile e degli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) 2030 (sustainable development goals). Gli OSS rappresentano sfide comuni che tutti i paesi sono chiamati ad affrontare, al fine di assicurare il benessere dell’umanità e del pianeta. Per esempio, si tratta di eliminare le disuguaglianze, di assicurare la tutela delle risorse naturali, di affermare modelli di produzione e con-sumo sostenibili, etc. Successivamente (paragrafo 3), il contributo si propone di riconsiderare l’attività aziendale, in maniera tale che la creazione di valore possa essere orientata verso la creazione di valore sostenibile. A tal fine deve essere legata agli OSS, sottolineando come tutto ciò comporti la creazione di un ‘sustainable management’ (Farneti, 2012) e di specifiche regole, sia relative alla pianificazione, sia alla rendicontazione, sia al controllo e all’audit (Figura 1). L’attività economica deve proporsi, come finalità, quella di creare valore sostenibile, partecipando appieno alla realizzazione degli OSS così come richiesto dall’Agenda 2030 (Ministero dell’Ambiente, 2017). Il contributo (capitolo 4) prosegue richiamando la Direttiva 2014/95/UE e il D.lgs. 256/2016 che richiedono che nella rendicontazione della creazione di valore si indi-chino gli aspetti legati ai temi della sostenibilità. Infine, il contributo si conclude (paragrafo 5) con una sintesi su come l’Economia aziendale partecipi alla creazione di valore sostenibile, proponendo che alla base di tale creazione vi dovrebbero essere obiettivi aziendali legati agli OSS, determinati sin dall’attività di pianificazione e che tali obiettivi aziendali dovrebbero essere realizzati e monitorati, in un’ottica di creare valore il più possibile sostenibile.

Creazione di valore nella prospettiva economico-aziendale

Federica Farneti
2021

Abstract

L’obiettivo di questo contributo è quello di riflettere su come l’Economia azien-dale, “disciplina volta ad assicurare il progresso economico, civile e sociale” svolga un ruolo fondamentale nel supportare le aziende a creare valore, attraverso le attività di pianificazione, gestione, controllo, creazione di valore e rendi-contazione, in linea con le esigenze contemporanei, sinteticamente espresse con il termine sviluppo sostenibile (SS). Il contributo (paragrafo 2) parte dalla considerazione del significato relativo alla creazione di valore, indicata da Giannessi negli anni ’60-‘70 (Giannessi, 1960), e si propone di riflettere su tale significato, ma in un’ottica contemporanea, alla luce del principio finalistico dello sviluppo sostenibile e degli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) 2030 (sustainable development goals). Gli OSS rappresentano sfide comuni che tutti i paesi sono chiamati ad affrontare, al fine di assicurare il benessere dell’umanità e del pianeta. Per esempio, si tratta di eliminare le disuguaglianze, di assicurare la tutela delle risorse naturali, di affermare modelli di produzione e con-sumo sostenibili, etc. Successivamente (paragrafo 3), il contributo si propone di riconsiderare l’attività aziendale, in maniera tale che la creazione di valore possa essere orientata verso la creazione di valore sostenibile. A tal fine deve essere legata agli OSS, sottolineando come tutto ciò comporti la creazione di un ‘sustainable management’ (Farneti, 2012) e di specifiche regole, sia relative alla pianificazione, sia alla rendicontazione, sia al controllo e all’audit (Figura 1). L’attività economica deve proporsi, come finalità, quella di creare valore sostenibile, partecipando appieno alla realizzazione degli OSS così come richiesto dall’Agenda 2030 (Ministero dell’Ambiente, 2017). Il contributo (capitolo 4) prosegue richiamando la Direttiva 2014/95/UE e il D.lgs. 256/2016 che richiedono che nella rendicontazione della creazione di valore si indi-chino gli aspetti legati ai temi della sostenibilità. Infine, il contributo si conclude (paragrafo 5) con una sintesi su come l’Economia aziendale partecipi alla creazione di valore sostenibile, proponendo che alla base di tale creazione vi dovrebbero essere obiettivi aziendali legati agli OSS, determinati sin dall’attività di pianificazione e che tali obiettivi aziendali dovrebbero essere realizzati e monitorati, in un’ottica di creare valore il più possibile sostenibile.
Scritti in onore di Luciano Marchi. Vol. 1: Creazione di valore nella prospettiva economico-aziendale
183
192
Federica Farneti
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/874650
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact