Aderente all'impostazione del volume, questo capitolo non vuol essere solo una rassegna, un inventario di creature nel mare, spiaggiate alle pendici del nostro Parnaso. Pesci crostacei ostriche e sirene sono simboli eleoquenti di una scrittura che ha scelto il loro silenzio per creare metafore continuate del vivere. Il limite della critica tematica è corretto nella storia del simbolo colta nel rapporto con le poetiche di appartenenza dal Cinquecento ad oggi. Gli animali sono vive allegorie nella letteratura italiana che sottolineano una molteplice funzione comunicativa che va dall'apologo alla più raffinata allusio poetica. Il mondo ittico risponde perfettamente a questa caratterizzzazione che lo rende protagonista di un parlare altro, rivolto pur sempre all'uomo. Dall'ostrica di Marino all'anguilla di Montale la resistenza psicologica, la tenacia esistenziale sono rappresentate nella duplice percezione di chi ha fatto di sè quasi un piccolo scoglio e di chi si muove serpentino e incessante per portare il propio messaggio di vita.

Pesci, crostacei, ostriche e sirene

CAPACI, BRUNO
2009

Abstract

Aderente all'impostazione del volume, questo capitolo non vuol essere solo una rassegna, un inventario di creature nel mare, spiaggiate alle pendici del nostro Parnaso. Pesci crostacei ostriche e sirene sono simboli eleoquenti di una scrittura che ha scelto il loro silenzio per creare metafore continuate del vivere. Il limite della critica tematica è corretto nella storia del simbolo colta nel rapporto con le poetiche di appartenenza dal Cinquecento ad oggi. Gli animali sono vive allegorie nella letteratura italiana che sottolineano una molteplice funzione comunicativa che va dall'apologo alla più raffinata allusio poetica. Il mondo ittico risponde perfettamente a questa caratterizzzazione che lo rende protagonista di un parlare altro, rivolto pur sempre all'uomo. Dall'ostrica di Marino all'anguilla di Montale la resistenza psicologica, la tenacia esistenziale sono rappresentate nella duplice percezione di chi ha fatto di sè quasi un piccolo scoglio e di chi si muove serpentino e incessante per portare il propio messaggio di vita.
2009
Animali della letteratura italiana
192
204
B.Capaci
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/87461
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact