Questo contributo propone una sintesi delle vicende che hanno condotto alla formazione del Piano del centro storico di Bologna (1969) e del PEEP del 1973, insieme ad una riflessione sull’eredità che questi importanti strumenti di pianificazione hanno consegnato alla città contemporanea e alla formazione di un nuovo piano urbanistico, intrapresa fra il 2018 e il 2020. Pur non avendo l’ambizione di porsi come trattazione scientifica esaustiva su un oggetto largamente esplorato dalla storiografia e dalla critica, il saggio ne sistematizza gli aspetti salienti e li riporta alla contemporaneità attraverso l’esperienza dell’autrice come ricercatrice e amministratrice del Comune di Bologna | This contribution proposes a summary of the events that led to the formation of Bologna’s Historic Centre Plan (1969) and the PEEP of 1973. It also reflects on the legacy that these important planning tools have left to the city today, and to the formation of a new urban plan, undertaken between 2018 and 2020. Without aiming to provide a thorough scientific description of a subject that has been widely explored by historiography and critics, the paper covers the highlights and draws on the author’s experience as a researcher and a Deputy Mayor of the Municipality of Bologna to offer an up-to-date picture.

1969-2019. Alcune riflessioni sull'eredità del Piano del Centro Storico di Bologna|1969-2019. Some reflections on the legacy of Bologna's Historic Centre Plan / Orioli, V.. - ELETTRONICO. - (2020), pp. 11-37.

1969-2019. Alcune riflessioni sull'eredità del Piano del Centro Storico di Bologna|1969-2019. Some reflections on the legacy of Bologna's Historic Centre Plan

Orioli, V.
2020

Abstract

Questo contributo propone una sintesi delle vicende che hanno condotto alla formazione del Piano del centro storico di Bologna (1969) e del PEEP del 1973, insieme ad una riflessione sull’eredità che questi importanti strumenti di pianificazione hanno consegnato alla città contemporanea e alla formazione di un nuovo piano urbanistico, intrapresa fra il 2018 e il 2020. Pur non avendo l’ambizione di porsi come trattazione scientifica esaustiva su un oggetto largamente esplorato dalla storiografia e dalla critica, il saggio ne sistematizza gli aspetti salienti e li riporta alla contemporaneità attraverso l’esperienza dell’autrice come ricercatrice e amministratrice del Comune di Bologna | This contribution proposes a summary of the events that led to the formation of Bologna’s Historic Centre Plan (1969) and the PEEP of 1973. It also reflects on the legacy that these important planning tools have left to the city today, and to the formation of a new urban plan, undertaken between 2018 and 2020. Without aiming to provide a thorough scientific description of a subject that has been widely explored by historiography and critics, the paper covers the highlights and draws on the author’s experience as a researcher and a Deputy Mayor of the Municipality of Bologna to offer an up-to-date picture.
2020
La Città Globale. La condizione urbana come fenomeno pervasivo | The Global City. The urban condition as a pervasive phenomenon
11
37
1969-2019. Alcune riflessioni sull'eredità del Piano del Centro Storico di Bologna|1969-2019. Some reflections on the legacy of Bologna's Historic Centre Plan / Orioli, V.. - ELETTRONICO. - (2020), pp. 11-37.
Orioli, V.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/870803
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact