L’itinerario, diviso in cinque tappe giornaliere, parte appena a N di Sella Carnizza (1675 m), sale al M. Corona (1815 m), si snoda verso il Passo di Pramollo (1530 m) per poi procedere, sempre verso W, rasentando la cima del M. Cavallo di Pontebba fino a raggiungere Sella di Aip (1942 m). Da lì percorre la valle omonima arrivando al Passo del Cason di Lanza (1552 m) e proseguendo per la Stua di Ramaz. Oltrepassato il Rio Cercevesa giunge al Rifugio Valdajer (1340 m) seguendo poi il tragitto per il M. Dimon (2043 m). Da questa cima prosegue alla volta del Rifugio Casera Pramosio (1521 m) e lambendo la Crete del Mezzodì. Dal Rifugio (agriturismo con malga tra le più moderne della Carnia) sale verso Cima Avostanis per poi aggirare da N il Pizzo di Timau e raggiungere il Passo di M. Croce Carnico (1365 m), oltrepassando i Monti Cuelat (Freikofel) e Pal Piccolo. Procedendo oltre, tocca poi la base de La Chianevate, e da lì raggiunge la vetta del M. Coglians (2781 m), per poi fare ritorno e concludersi al Rifugio Marinelli (2111 m). Questo itinerario si rivolge a un'utenza con esperienza di tracciati escursionistici che richiedono un impegno medio, a tratti medio-alto.

Alpi Carniche: l’antica catena montuosa scolpita dai ghiacci

VENTURINI, CORRADO;SPALLETTA, CLAUDIA
2009

Abstract

L’itinerario, diviso in cinque tappe giornaliere, parte appena a N di Sella Carnizza (1675 m), sale al M. Corona (1815 m), si snoda verso il Passo di Pramollo (1530 m) per poi procedere, sempre verso W, rasentando la cima del M. Cavallo di Pontebba fino a raggiungere Sella di Aip (1942 m). Da lì percorre la valle omonima arrivando al Passo del Cason di Lanza (1552 m) e proseguendo per la Stua di Ramaz. Oltrepassato il Rio Cercevesa giunge al Rifugio Valdajer (1340 m) seguendo poi il tragitto per il M. Dimon (2043 m). Da questa cima prosegue alla volta del Rifugio Casera Pramosio (1521 m) e lambendo la Crete del Mezzodì. Dal Rifugio (agriturismo con malga tra le più moderne della Carnia) sale verso Cima Avostanis per poi aggirare da N il Pizzo di Timau e raggiungere il Passo di M. Croce Carnico (1365 m), oltrepassando i Monti Cuelat (Freikofel) e Pal Piccolo. Procedendo oltre, tocca poi la base de La Chianevate, e da lì raggiunge la vetta del M. Coglians (2781 m), per poi fare ritorno e concludersi al Rifugio Marinelli (2111 m). Questo itinerario si rivolge a un'utenza con esperienza di tracciati escursionistici che richiedono un impegno medio, a tratti medio-alto.
Itinerari lungo la Via Geoalpina
1
18
Venturini C.; Spalletta C.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/86733
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact