Secondo una prima istanza, la didattica può essere intesa innovativa quando sa creare una dialettica tra complessità del contesto e soluzioni metodologiche efficaci, sia in termini di mediazione, sia di sostenibilità dei processi. In seconda istanza, la didattica innovativa si lega al concetto di ambiente di apprendimento, in quanto il rinnovamento delle pratiche didattiche richiede un approccio sistemico, attento non solo alle metodologie impiegate, ma anche a tutti gli elementi che configurano l’evento formativo. In questa prospettiva il concetto di ambiente richiama quello di ecosistema fisico-digitale entro il quale si viene a collocare l’esperienza educativa (Panciroli 2017). Infatti, oggi il confine tra ambienti fisici e digitali tende sempre più ad assottigliarsi e in tal senso occorre un ripensamento dell’interazione uomo-informazione. In terza istanza, la didattica innovativa, in una prospettiva multimodale dell’esperienza educativa, fa riferimento all’uso integrato di differenti linguaggi (visivo, grafico, sonoro, video, corporeo), con un’attenzione particolare ai processi di acquisizione e rielaborazione delle conoscenze. Le diverse istanze finora delineate contribuiscono alla definizione di un modello didattico necessario per progettare, realizzare e valutare i processi di insegnamento/apprendimento in uno specifico ambiente, in vista del conseguimento di determinati obiettivi. La dimensione tecnologica si deve sviluppare parallelamente e sinergicamente alle ipotesi di lavoro che sono alla base della formulazione di progetti formativi (Baldacci, 2004). Partendo da questo quadro generale, l’articolo prende in esame alcune strategie d’insegnamento sperimentate, in rapporto ad ambienti sia fisici sia digitali, in alcuni corsi di studio dell’Università di Bologna.

Didattica universitaria e ambienti digitali / Chiara Panciroli; Anita Macauda. - ELETTRONICO. - (2019), pp. 91-98. (Intervento presentato al convegno Ottavo Convegno Annuale 8th Annual Conference AIUCD 2019 tenutosi a Udine nel 23 – 25 gennaio 2019).

Didattica universitaria e ambienti digitali

Chiara Panciroli;Anita Macauda
2019

Abstract

Secondo una prima istanza, la didattica può essere intesa innovativa quando sa creare una dialettica tra complessità del contesto e soluzioni metodologiche efficaci, sia in termini di mediazione, sia di sostenibilità dei processi. In seconda istanza, la didattica innovativa si lega al concetto di ambiente di apprendimento, in quanto il rinnovamento delle pratiche didattiche richiede un approccio sistemico, attento non solo alle metodologie impiegate, ma anche a tutti gli elementi che configurano l’evento formativo. In questa prospettiva il concetto di ambiente richiama quello di ecosistema fisico-digitale entro il quale si viene a collocare l’esperienza educativa (Panciroli 2017). Infatti, oggi il confine tra ambienti fisici e digitali tende sempre più ad assottigliarsi e in tal senso occorre un ripensamento dell’interazione uomo-informazione. In terza istanza, la didattica innovativa, in una prospettiva multimodale dell’esperienza educativa, fa riferimento all’uso integrato di differenti linguaggi (visivo, grafico, sonoro, video, corporeo), con un’attenzione particolare ai processi di acquisizione e rielaborazione delle conoscenze. Le diverse istanze finora delineate contribuiscono alla definizione di un modello didattico necessario per progettare, realizzare e valutare i processi di insegnamento/apprendimento in uno specifico ambiente, in vista del conseguimento di determinati obiettivi. La dimensione tecnologica si deve sviluppare parallelamente e sinergicamente alle ipotesi di lavoro che sono alla base della formulazione di progetti formativi (Baldacci, 2004). Partendo da questo quadro generale, l’articolo prende in esame alcune strategie d’insegnamento sperimentate, in rapporto ad ambienti sia fisici sia digitali, in alcuni corsi di studio dell’Università di Bologna.
2019
Didattica e ricerca al tempo delle Digital Humanities. Book of Abstracts
91
98
Didattica universitaria e ambienti digitali / Chiara Panciroli; Anita Macauda. - ELETTRONICO. - (2019), pp. 91-98. (Intervento presentato al convegno Ottavo Convegno Annuale 8th Annual Conference AIUCD 2019 tenutosi a Udine nel 23 – 25 gennaio 2019).
Chiara Panciroli; Anita Macauda
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/864370
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact