La ricerca marcatamente multidisciplinare (sono coinvolti architetti, ingegneri, fisici, conservatori, esperti di storia dell’arte e gestori del patrimonio culturale) riguarda l’analisi del microclima in ambienti confinati. Infatti, in anni recenti lo studio del microclima degli ambienti interni ha assunto un’importanza crescente, sia in relazione alla salute delle persone che vivono in ambienti limitati per una considerevole parte del loro tempo, sia per i problemi relativi alla conservazione di opere d'arte e del patrimonio culturale custodito nei musei, nelle gallerie d'esposizione, negli archivi e nelle biblioteche. Per quanto riguarda gli obbiettivi specifici di questa ricerca, desidero sottolineare che l’analisi del microclima rappresenta un elemento fondamentale, ma che si colloca all’interno di una più generale proposta metodologica di valutazione relativa del rischio per i beni culturali, al fine di una sua corretta gestione in stretta collaborazione con gli esperti in ambito conservativo ed i responsabili della gestione: si pensi, ad esempio, a come potrebbe essere importante definire tempestivamente un oggettivo ordine di priorità per l’eliminazione (o, almeno, l’attenuazione) di quei fattori microclimatici di rischio che ledono le condizioni ottimali per la conservazione dei beni sotto osservazione, accelerandone il degrado. Per quanto riguarda i casi di studio, è già stata sviluppata un’analisi approfondita sulla Biblioteca Classense a Ravenna , mentre altre indagini sono attualmente in corso a Roma, presso le stanze di San Luigi Gonzaga del Collegio Romano e nella Sala Mappamondo di Palazzo Venezia.

Analisi del microclima di ambienti confinanti con particolare riferimento alla valutazione e gestione del rischio nei beni culturali

santopuoli nicola
2018

Abstract

La ricerca marcatamente multidisciplinare (sono coinvolti architetti, ingegneri, fisici, conservatori, esperti di storia dell’arte e gestori del patrimonio culturale) riguarda l’analisi del microclima in ambienti confinati. Infatti, in anni recenti lo studio del microclima degli ambienti interni ha assunto un’importanza crescente, sia in relazione alla salute delle persone che vivono in ambienti limitati per una considerevole parte del loro tempo, sia per i problemi relativi alla conservazione di opere d'arte e del patrimonio culturale custodito nei musei, nelle gallerie d'esposizione, negli archivi e nelle biblioteche. Per quanto riguarda gli obbiettivi specifici di questa ricerca, desidero sottolineare che l’analisi del microclima rappresenta un elemento fondamentale, ma che si colloca all’interno di una più generale proposta metodologica di valutazione relativa del rischio per i beni culturali, al fine di una sua corretta gestione in stretta collaborazione con gli esperti in ambito conservativo ed i responsabili della gestione: si pensi, ad esempio, a come potrebbe essere importante definire tempestivamente un oggettivo ordine di priorità per l’eliminazione (o, almeno, l’attenuazione) di quei fattori microclimatici di rischio che ledono le condizioni ottimali per la conservazione dei beni sotto osservazione, accelerandone il degrado. Per quanto riguarda i casi di studio, è già stata sviluppata un’analisi approfondita sulla Biblioteca Classense a Ravenna , mentre altre indagini sono attualmente in corso a Roma, presso le stanze di San Luigi Gonzaga del Collegio Romano e nella Sala Mappamondo di Palazzo Venezia.
2018
Ricerche 2013-2018. Dipartimento di Storia, Disegno e Restauro dell'Architettura
189
190
santopuoli nicola
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/863620
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact