Si tratta di stabilire un aspetto che rafforza il legame tra geografia e inconscio, aspetto che lo stesso Freud lascia scorgere comportandosi come un geografo del suo tempo. Egli infatti impone nomi alle sconosciute provincie dell'inconscio, le mappa e ne prende possesso: la prassi geografica realizzata nel nome della civiltà. Così Freud si impegna a esplorare la "Vera Afrivca Interiore" nello spirito di Henry Morton Stanley e Cecil Rhodes, mostrando la sua attenzione alle opere dei conquistatori scientifici dell'Africa.

"' Giacché sui monti non si trovano pesci e nell'acqua non cresce vino': Freud e l'ora di Geografia"

BONAZZI, ALESSANDRA
2011

Abstract

Si tratta di stabilire un aspetto che rafforza il legame tra geografia e inconscio, aspetto che lo stesso Freud lascia scorgere comportandosi come un geografo del suo tempo. Egli infatti impone nomi alle sconosciute provincie dell'inconscio, le mappa e ne prende possesso: la prassi geografica realizzata nel nome della civiltà. Così Freud si impegna a esplorare la "Vera Afrivca Interiore" nello spirito di Henry Morton Stanley e Cecil Rhodes, mostrando la sua attenzione alle opere dei conquistatori scientifici dell'Africa.
Atti del XXX Congresso Geografico Italiano
59
63
A. Bonazzi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/86241
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact