In questa pubblicazione sono raccolti i lavori che gli studenti hanno svolto perseguendo l’obbiettivo di far emergere i caratteri del luogo, uno studio non facile, ma basilare nella ricerca personale di un architetto. Seneca affermava che lo stolto ricomincia sempre da capo rifiutando di svolgere in modo continuo il filo della propria esperienza. Probabilmente possiamo trovare un valido aiuto anche nelle esperienze di coloro che ci hanno preceduto, mettendo da parte l’inutile protagonismo egocentrico e raccogliendo così dei preziosi consigli indispensabili per la personale crescita intellettuale. Aldo Rossi in un suo scritto intitolato La città come fondamento dello studio dei caratteri degli edifici del 1966 scriveva: «[…] affermo che è nostro compito verificare l’analisi di modello e tipologia sui fatti e che il fatto urbano emergente su cui è possibile condurre la nostra ricerca è la città. La città come luogo dove si sono realizzati e si realizzano gli edifici in maniera statisticamente preminente; non potremo saper nulla della natura di questi edifici, della loro formazione e della loro genesi, se non studieremo la città e quindi il rapporto tra la forma di questa e i tipi degli edifici». Lo studio della città dunque come base del lavoro con un fine comune: dare risposte razionali e credibili a domane che ci poniamo e che la città a sua volta ci presenta. Durante il nostro insegnamento abbiamo voluto assegnare agli studenti un arduo compito: svolgere la difficile disciplina dell’architetto. I progetti ottenuti sono il risultato di un anno accademico, un risultato che cela, dietro alla sua rappresentazione, dubbi e incertezze che accompagnano il nostro lavoro di ricerca continua. Le scelte adottate potranno sembrare banali e ordinarie, ma sono convinto che sia possibile rispondere con semplici soluzioni a complesse problematiche.

Progetti per la città di Santarcangelo di Romagna. Volume pubblicato in occasione della mostra tenutasi presso il Monastero Figlie dell’Immacolata Concezione Suore Bianche – Santarcangelo di Romagna, 2 luglio – 17 luglio 2005.

FERA, FRANCESCO SAVERIO
2010

Abstract

In questa pubblicazione sono raccolti i lavori che gli studenti hanno svolto perseguendo l’obbiettivo di far emergere i caratteri del luogo, uno studio non facile, ma basilare nella ricerca personale di un architetto. Seneca affermava che lo stolto ricomincia sempre da capo rifiutando di svolgere in modo continuo il filo della propria esperienza. Probabilmente possiamo trovare un valido aiuto anche nelle esperienze di coloro che ci hanno preceduto, mettendo da parte l’inutile protagonismo egocentrico e raccogliendo così dei preziosi consigli indispensabili per la personale crescita intellettuale. Aldo Rossi in un suo scritto intitolato La città come fondamento dello studio dei caratteri degli edifici del 1966 scriveva: «[…] affermo che è nostro compito verificare l’analisi di modello e tipologia sui fatti e che il fatto urbano emergente su cui è possibile condurre la nostra ricerca è la città. La città come luogo dove si sono realizzati e si realizzano gli edifici in maniera statisticamente preminente; non potremo saper nulla della natura di questi edifici, della loro formazione e della loro genesi, se non studieremo la città e quindi il rapporto tra la forma di questa e i tipi degli edifici». Lo studio della città dunque come base del lavoro con un fine comune: dare risposte razionali e credibili a domane che ci poniamo e che la città a sua volta ci presenta. Durante il nostro insegnamento abbiamo voluto assegnare agli studenti un arduo compito: svolgere la difficile disciplina dell’architetto. I progetti ottenuti sono il risultato di un anno accademico, un risultato che cela, dietro alla sua rappresentazione, dubbi e incertezze che accompagnano il nostro lavoro di ricerca continua. Le scelte adottate potranno sembrare banali e ordinarie, ma sono convinto che sia possibile rispondere con semplici soluzioni a complesse problematiche.
Architettura 37. Decennale - Annuario
104
104
L. Conti; F. S. Fera
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/85432
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact