Il presente studio intende valutare le funzionalità di quegli scritti poetici che furono inclusi nei libretti a stampa della Festa bolognese di San Bartolomeo nei primi vent’anni del Settecento. Il campo d’indagine è stato ristretto a cinque testi, prevalentemente a tema mitologico: quelli dello "Scoglio di Circe" del 1700, del "Tempio di Giano serrato da Augusto" del 1703, del "Nobile trattenimento" del 1718, della giostra cavalleresca del 1720 e infine dell’"Orfeo lapidato dalle Baccanti" del 1722.

La Festa di San Bartolomeo nel primo Settecento a Bologna. Fra “poetici componimenti”, dramma in musica e ideali arcadici

Vaccaro, Luca
2021

Abstract

Il presente studio intende valutare le funzionalità di quegli scritti poetici che furono inclusi nei libretti a stampa della Festa bolognese di San Bartolomeo nei primi vent’anni del Settecento. Il campo d’indagine è stato ristretto a cinque testi, prevalentemente a tema mitologico: quelli dello "Scoglio di Circe" del 1700, del "Tempio di Giano serrato da Augusto" del 1703, del "Nobile trattenimento" del 1718, della giostra cavalleresca del 1720 e infine dell’"Orfeo lapidato dalle Baccanti" del 1722.
NATURA, SOCIETÀ E POLITICA NELLA LETTERATURA BOLOGNESE DEL SETTECENTO
65
101
Vaccaro, Luca
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/844466
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact