The contribution illustrates the norms of universal canon law - starting from the 1983 Code of Canon Law -, particular and proper, binding and non-binding, given in the matter of cultural heritage of the Church, after having specified their specificities and purposes. The ecclesiastical institutions that deal in various ways with bona culturalia are also identified: the Pontifical Commission for the Cultural Heritage of the Church - whose functions are now exercised by the Pontifical Council for Culture -, the competent Dicasteries of the Roman Curia, the Italian Episcopal Conference, the national Office for ecclesiastical cultural heritage and the building of worship, the diocesan Bishop. Finally, the problems relating to the protection and enhancement of the cultural heritage of institutes of consecrated life and societies of apostolic life, which is the object of growing attention by the Holy See.

Il contributo offre una ricognizione delle norme di diritto canonico universale – a partire dal Codice di Diritto Canonico del 1983 –, particolare e proprio, vincolanti e non vincolanti, date in materia di beni culturali della Chiesa, dopo averne illustrato le specificità e le finalità genuinamente ecclesiali. Sono inoltre individuate le istituzioni ecclesiastiche che si occupano a vario titolo di bona culturalia: la Pontificia Commissione per i beni culturali della Chiesa – le cui funzioni sono ora esercitate dal Pontificio Consiglio della Cultura –, i competenti Dicasteri della Curia romana, la Conferenza episcopale italiana, l’Ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto, il Vescovo diocesano. Si trattano infine le problematiche relative alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio culturale degli istituti di vita consacrata e delle società di vita apostolica, oggetto di crescente attenzione da parte della Santa Sede.

Beni culturali della Chiesa cattolica. La disciplina canonica

Ganarin, Manuel
2021

Abstract

Il contributo offre una ricognizione delle norme di diritto canonico universale – a partire dal Codice di Diritto Canonico del 1983 –, particolare e proprio, vincolanti e non vincolanti, date in materia di beni culturali della Chiesa, dopo averne illustrato le specificità e le finalità genuinamente ecclesiali. Sono inoltre individuate le istituzioni ecclesiastiche che si occupano a vario titolo di bona culturalia: la Pontificia Commissione per i beni culturali della Chiesa – le cui funzioni sono ora esercitate dal Pontificio Consiglio della Cultura –, i competenti Dicasteri della Curia romana, la Conferenza episcopale italiana, l’Ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto, il Vescovo diocesano. Si trattano infine le problematiche relative alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio culturale degli istituti di vita consacrata e delle società di vita apostolica, oggetto di crescente attenzione da parte della Santa Sede.
Beni ecclesiastici di interesse culturale. Ordinamento, conservazione, valorizzazione
13
57
Ganarin, Manuel
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/842284
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact