La corrispondenza di Fradique Mendes: il progresso a spirale o del cosmopolitismo ineluttabile