The Commedia Riccardiana-Braidense (Florence, Biblioteca Riccardiana, MS 1005; Milan, Biblioteca Nazionale Braidense, MS AG XII 2) is one of the most famous and studied fourteenth-century witnesses of Dante’s poem because of its early dating ca. 1330, the commentary of Iacomo della Lana accompanying it, and the precious painted decoration by two anonymous Bolognese illuminators, the renowned Illustratore and the Master of B18. However, the Riccardiano-Braidense should be further studied as for its connection with Bolognese illuminated legal manuscripts. ​Firstly, the paper focuses on the analogies between the illustrative structure of the Riccardiano-Braidense, consisting in a sequence of historiated initials at the beginning of each canto and the related section of Iacomo della Lana’s commentary, and the decoration painted by the Illustratore in a contemporary copy of the Decretals in Munich (Bayerische Staatsbibliothek, Clm 14032). ​Also the ways of text illustration adopted in some initials, especially those painted by the Illustratore, show connections with legal illumination. ​Finally, the paper investigates the patronage by examining the opening initial of the canto XXXIII of the Purgatorio in the Riccardiana manuscript.

La cosiddetta Commedia Riccardiana-Braidense (Firenze, Biblioteca Riccardiana, ms. 1005; Milano, Biblioteca Nazionale Braidense, ms. AG.XII.2) è tra i testimoni trecenteschi più noti e studiati del poema dantesco a motivo della precoce datazione intorno al 1330, della glossa in volgare bolognese di Iacomo della Lana che lo correda e del prezioso apparato decorativo, opera di due anonimi miniatori bolognesi, il celebre Illustratore e il prolifico Maestro del B18. Tuttavia, un aspetto che merita di essere ulteriormente approfondito è lo stretto rapporto con la produzione bolognese dei manoscritti giuridici miniati. ​In primo luogo, il contributo si sofferma sulle analogie tra la particolare struttura decorativa consistente in una serie d’iniziali istoriate poste all’inizio di ciascun canto del poema e della sezione del commento di Iacomo della Lana corrispondente e la decorazione di un manoscritto delle Decretali conservato a Monaco di Baviera (Bayerische Staatsbibliothek, Clm 14032; fig. 3), opera contemporanea dello stesso Illustratore. ​Un altro punto di contatto con i libri legales sono alcune scelte nelle modalità di illustrazione del testo, soprattutto all’interno della parte eseguita dall’Illustratore. ​Infine, si affronta la questione della committenza a partire dall’iniziale che apre il XXXIII canto del Purgatorio nel manoscritto riccardiano.

Tra chiose dantesche e libri di legge: nuove considerazioni sulla Commedia riccardiana-braidense

Gianluca del Monaco
2021

Abstract

La cosiddetta Commedia Riccardiana-Braidense (Firenze, Biblioteca Riccardiana, ms. 1005; Milano, Biblioteca Nazionale Braidense, ms. AG.XII.2) è tra i testimoni trecenteschi più noti e studiati del poema dantesco a motivo della precoce datazione intorno al 1330, della glossa in volgare bolognese di Iacomo della Lana che lo correda e del prezioso apparato decorativo, opera di due anonimi miniatori bolognesi, il celebre Illustratore e il prolifico Maestro del B18. Tuttavia, un aspetto che merita di essere ulteriormente approfondito è lo stretto rapporto con la produzione bolognese dei manoscritti giuridici miniati. ​In primo luogo, il contributo si sofferma sulle analogie tra la particolare struttura decorativa consistente in una serie d’iniziali istoriate poste all’inizio di ciascun canto del poema e della sezione del commento di Iacomo della Lana corrispondente e la decorazione di un manoscritto delle Decretali conservato a Monaco di Baviera (Bayerische Staatsbibliothek, Clm 14032; fig. 3), opera contemporanea dello stesso Illustratore. ​Un altro punto di contatto con i libri legales sono alcune scelte nelle modalità di illustrazione del testo, soprattutto all’interno della parte eseguita dall’Illustratore. ​Infine, si affronta la questione della committenza a partire dall’iniziale che apre il XXXIII canto del Purgatorio nel manoscritto riccardiano.
Medieval Europe in Motion 3: The Circulation of Jurists, Legal Manuscripts and Artistic, Cultural and Legal Practices in Medieval Europe (13th-15th centuries)
185
198
Gianluca del Monaco
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/838427
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact