Ai giovani ricercatori, sulla "felicità" della ricerca