Il saggio prende in esame la discussione sviluppatasi in ambito politologico, giuridico e filosofico-morale a partire dalla scoperta delle pratiche di tortura tornate in auge nel quadro della «guerra contro il terrorismo internazionale». Lo studio non si limita a porre in evidenza le aporie e le contraddizioni interne alle posizioni inclini alla legittimazione delle torture nel nome della «civiltà europea», ma studia anche le strategie argomentative adottate dagli organi di informazione al fine di orientare l’opinione pubblica verso attitudini favorevoli a tali pratiche.

Divertirsi con gli Untermenschen. Le torture nella “guerra globale contro il terrorismo”

BURGIO, ALBERTO
2008

Abstract

Il saggio prende in esame la discussione sviluppatasi in ambito politologico, giuridico e filosofico-morale a partire dalla scoperta delle pratiche di tortura tornate in auge nel quadro della «guerra contro il terrorismo internazionale». Lo studio non si limita a porre in evidenza le aporie e le contraddizioni interne alle posizioni inclini alla legittimazione delle torture nel nome della «civiltà europea», ma studia anche le strategie argomentative adottate dagli organi di informazione al fine di orientare l’opinione pubblica verso attitudini favorevoli a tali pratiche.
Guerra e comunicazione
139
174
A. Burgio
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/83599
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact