I punti di forza della piccola e media impresa marchigiana sono essenzialmente riconducibili al radicamento nel territorio, alle sinergie familiari, all’ingegnosità e alla tenacia. Il primo di questi elementi si traduce nella ricerca di successo sociale non fine a se stesso, ma teso al consenso sociale e all’adesione del e al territorio. Riconoscere e valorizzare la figura e il ruolo dell’imprenditore, le motivazioni, i valori e i comportamenti che lo ispirano nel governo d’impresa, consente di apprezzarne la capacità e la volontà di farsi carico dei doveri sociali e di temperare l’iniziativa privata nell’interesse della collettività più ampia. E di avvalorare l’ipotesi che tra CSR, territorio e PMI esista un nesso forte. Lo sviluppo sostenibile, che non è condiviso da tutti, perché mette in dubbio posizioni di rendita e di comodo, ha bisogno di gente coraggiosa, oltre che creativa e competente, e di una teoria in cui il valore non corrisponde sempre e solo alla capitalizzazione di borsa, e i benefici della CSR non sono tutti e sempre esattamente misurabili, perché l’adesione ad una filosofia di gestione socialmente orientata è, in primis, un “atto di fiducia”, che è “qualcosa” di essenziale e di intangibile, ciò che, verrebbe da dirsi, forse è opportuno resti tale.

Conclusioni

MATACENA, ANTONIO;
2009

Abstract

I punti di forza della piccola e media impresa marchigiana sono essenzialmente riconducibili al radicamento nel territorio, alle sinergie familiari, all’ingegnosità e alla tenacia. Il primo di questi elementi si traduce nella ricerca di successo sociale non fine a se stesso, ma teso al consenso sociale e all’adesione del e al territorio. Riconoscere e valorizzare la figura e il ruolo dell’imprenditore, le motivazioni, i valori e i comportamenti che lo ispirano nel governo d’impresa, consente di apprezzarne la capacità e la volontà di farsi carico dei doveri sociali e di temperare l’iniziativa privata nell’interesse della collettività più ampia. E di avvalorare l’ipotesi che tra CSR, territorio e PMI esista un nesso forte. Lo sviluppo sostenibile, che non è condiviso da tutti, perché mette in dubbio posizioni di rendita e di comodo, ha bisogno di gente coraggiosa, oltre che creativa e competente, e di una teoria in cui il valore non corrisponde sempre e solo alla capitalizzazione di borsa, e i benefici della CSR non sono tutti e sempre esattamente misurabili, perché l’adesione ad una filosofia di gestione socialmente orientata è, in primis, un “atto di fiducia”, che è “qualcosa” di essenziale e di intangibile, ciò che, verrebbe da dirsi, forse è opportuno resti tale.
Responsabilita' sociale d'impresa e territorio
286
292
A. Matacena; M. Del Baldo
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/82852
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact