La mediazione digitale e nuove forme tecnologiche di discriminazione