L’analisi della presenza numericamente significativa di testi manoscritti nelle due prime bibliografie letterarie francesi, le Bibliothèques françoises di La Croix Du Maine et Du Verdier (1584 e 1585), è occasione per una riflessione sulla circolazione del manoscritto in un’epoca che si ha tendenza a considerare come definitivamente passata alla stampa, ma anche su ciò che ha condotto gli storici della letteratura a ignorare parte della produzione della prima modernità inserendola frettolosamente nella categoria dei fantasmi librari.

Les fantômes de la ‘Bibliothèque’: livres «non imprimés» ou «non encore imprimés» dans les répertoires de La Croix du Maine et de Du Verdier

Bruna Conconi
2021

Abstract

L’analisi della presenza numericamente significativa di testi manoscritti nelle due prime bibliografie letterarie francesi, le Bibliothèques françoises di La Croix Du Maine et Du Verdier (1584 e 1585), è occasione per una riflessione sulla circolazione del manoscritto in un’epoca che si ha tendenza a considerare come definitivamente passata alla stampa, ma anche su ciò che ha condotto gli storici della letteratura a ignorare parte della produzione della prima modernità inserendola frettolosamente nella categoria dei fantasmi librari.
Le manuscrit littéraire à la Renaissance
285
305
Bruna Conconi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/821448
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact