Attraverso l'analisi dei taccuini di disegni di Albrecht Duerer si rintraccia la genealogia dello schema spaziale all'inizio del Cinquecento, collegando il suo avvento al significato di due fondamentali opere della prima modernità: l'"Elogio della Follia" di Erasmo da Rotterdam e l'"Utopia" di Moro

La mano sinistra di Duerer: la follia e l'utopia

FARINELLI, FRANCO
2008

Abstract

Attraverso l'analisi dei taccuini di disegni di Albrecht Duerer si rintraccia la genealogia dello schema spaziale all'inizio del Cinquecento, collegando il suo avvento al significato di due fondamentali opere della prima modernità: l'"Elogio della Follia" di Erasmo da Rotterdam e l'"Utopia" di Moro
LINEA I. GRAFIE E IMMAGINI TRA QUATTROCENTO E CINQUECENTO
29
46
F. FARINELLI
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/81743
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact