Il testo indaga quali effetti possono astrattamente ripercuotersi sulla persona giuridica, in caso di applicazione di voluntary disclosure. L'ipotesi al vaglio concerne il caso in cui la persona fisica che ha materialmente commesso il fatto di reato rivesta all'interno dell'ente taluna delle posizioni di cui agli artt. 6 e 7 d.lgs. 231/2001 (quale apicale o lavoratore subordinato, inserito nell'organico) ed il reato per cui si aziona il procedimento di disclosure rientri tra i c.d. reati presupposto, da cui possa scaturire responsabilità amministrativa per l’ente ex D.L.vo. n. 231/2001, dove ne sussistano i requisiti imposti dalla normativa. In specie, si cerca di comprendere se l’esito positivo della collaborazione volontaria per il singolo possa incidere altresì sulla eventuale responsabilità dell’ente, ovvero se questa permanga immutata. Nonostante, infatti, la Legge 15 dicembre 2014, n. 186, con cui è stata introdotta la procedura de qua, abbia individuato tra i soggetti che possono di fatto accedervi anche le società commerciali, non ha poi inserito alcuna norma di raccordo con la disciplina di cui al Decreto del 2001.

Causa sopravvenuta di non punibilità e responsabilità amministrativa delle persone giuridiche / Filippo Sgubbi; Luca Mazzanti; Edy Salmina; Natalia Ferrara Micocci. - STAMPA. - (2015), pp. 210-218.

Causa sopravvenuta di non punibilità e responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Filippo Sgubbi
Co-primo
;
2015

Abstract

Il testo indaga quali effetti possono astrattamente ripercuotersi sulla persona giuridica, in caso di applicazione di voluntary disclosure. L'ipotesi al vaglio concerne il caso in cui la persona fisica che ha materialmente commesso il fatto di reato rivesta all'interno dell'ente taluna delle posizioni di cui agli artt. 6 e 7 d.lgs. 231/2001 (quale apicale o lavoratore subordinato, inserito nell'organico) ed il reato per cui si aziona il procedimento di disclosure rientri tra i c.d. reati presupposto, da cui possa scaturire responsabilità amministrativa per l’ente ex D.L.vo. n. 231/2001, dove ne sussistano i requisiti imposti dalla normativa. In specie, si cerca di comprendere se l’esito positivo della collaborazione volontaria per il singolo possa incidere altresì sulla eventuale responsabilità dell’ente, ovvero se questa permanga immutata. Nonostante, infatti, la Legge 15 dicembre 2014, n. 186, con cui è stata introdotta la procedura de qua, abbia individuato tra i soggetti che possono di fatto accedervi anche le società commerciali, non ha poi inserito alcuna norma di raccordo con la disciplina di cui al Decreto del 2001.
2015
La Voluntary Disclosure. Profili penalistici. Diritto Italiano e diritto Svizzero
210
218
Causa sopravvenuta di non punibilità e responsabilità amministrativa delle persone giuridiche / Filippo Sgubbi; Luca Mazzanti; Edy Salmina; Natalia Ferrara Micocci. - STAMPA. - (2015), pp. 210-218.
Filippo Sgubbi; Luca Mazzanti; Edy Salmina; Natalia Ferrara Micocci
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/816497
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact