All'inizio del XX secolo la storia dell'arte iniziò la sua vicenda nell'università italiana. Adolfo venturi insegna a Roma, Igino Benvenuto Supino a Bologna, Pietro Toesca a Torino. Tutti usano le fotografie a lezione. Il saggio invita a conoscere le collezioni di fotografie usate per la didattica e per i libri illustrati. Le fotografie sono una fonte inesauribile per la visione e la valutazione, un itinerario attraverso il quale si forma la pratica artistica, un'esperienza alternativa alla realtà e alle sue possibilità. Si prendono in considerazione le fototeche di Supino, di Volpe, di Zeri.

Fototeche d'arte e didattica. La realtà universitaria bolognese

PIGOZZI, MARINELLA
2009

Abstract

All'inizio del XX secolo la storia dell'arte iniziò la sua vicenda nell'università italiana. Adolfo venturi insegna a Roma, Igino Benvenuto Supino a Bologna, Pietro Toesca a Torino. Tutti usano le fotografie a lezione. Il saggio invita a conoscere le collezioni di fotografie usate per la didattica e per i libri illustrati. Le fotografie sono una fonte inesauribile per la visione e la valutazione, un itinerario attraverso il quale si forma la pratica artistica, un'esperienza alternativa alla realtà e alle sue possibilità. Si prendono in considerazione le fototeche di Supino, di Volpe, di Zeri.
Insegnare la storia dell'arte
83
108
M.Pigozzi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/81320
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact