Il saggio esamina le radici del pensiero estetico di Berleant approfondendo la sua nozione di "campo" in quanto compagine dinamica che si pone programmaticamente al di fuori dei dualismi moderni. Vengono messi in rilievo i motivi in base ai quali trovano una proficua convergenza istanze differenti: da quelle fenomenologie relative al nesso tra esperienza e giudizio, a quelle pragmatiste incentrate sullo statuto esperienziale dell'estetico. La ricerca di Berleant mostra così i propri elementi di attualità, in quanto capace di delineare un orizzonte antropologico incentrato sull'analisi delle pratiche "ambientali" del cosiddetto "impegno" estetico.

Berleant e la fenomenologia del campo estetico

Giovanni Matteucci
2020

Abstract

Il saggio esamina le radici del pensiero estetico di Berleant approfondendo la sua nozione di "campo" in quanto compagine dinamica che si pone programmaticamente al di fuori dei dualismi moderni. Vengono messi in rilievo i motivi in base ai quali trovano una proficua convergenza istanze differenti: da quelle fenomenologie relative al nesso tra esperienza e giudizio, a quelle pragmatiste incentrate sullo statuto esperienziale dell'estetico. La ricerca di Berleant mostra così i propri elementi di attualità, in quanto capace di delineare un orizzonte antropologico incentrato sull'analisi delle pratiche "ambientali" del cosiddetto "impegno" estetico.
Il campo estetico. Una fenomenologia dell'esperienza estetica
9
29
Giovanni Matteucci
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/808517
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact