Affari di famiglia. Pietro Campori, i nipoti e il prestigio delle arti