Nella prassi giudiziaria bolognese tutti gli inquisiti nel foro penale avevano diritto a un gratuito patrocinio, a meno che non fossero stati colti in flagranza di reato. A Bologna è documentata dal XVI secolo la presenza dell'avvocato e del procuratore dei poveri la cui attività però ha lasciato scarse tracce nei fascicoli processuali perché si svolgeva in gran parte oralmente, negli abboccamenti col giudice inquirente, nelle perorazioni a difesa nel collegio giudicante. Questo contributo apre uno squarcio nell'opacità dei documenti sulla base delle testimonianze disponibili ( le arringhe date alle stampe).

Gli avvocati dei poveri

CASANOVA, CESARINA
2009

Abstract

Nella prassi giudiziaria bolognese tutti gli inquisiti nel foro penale avevano diritto a un gratuito patrocinio, a meno che non fossero stati colti in flagranza di reato. A Bologna è documentata dal XVI secolo la presenza dell'avvocato e del procuratore dei poveri la cui attività però ha lasciato scarse tracce nei fascicoli processuali perché si svolgeva in gran parte oralmente, negli abboccamenti col giudice inquirente, nelle perorazioni a difesa nel collegio giudicante. Questo contributo apre uno squarcio nell'opacità dei documenti sulla base delle testimonianze disponibili ( le arringhe date alle stampe).
Atlante delle professioni
121
123
Casanova C.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/80075
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact