L’oggetto di analisi riguarda i comportamenti e le pratiche di consumo alimentare di alcune fasce deboli della popolazione, con particolare attenzione ai luoghi di fruizione dei pasti o di reperimento del cibo, nel tentativo di rilevare le strategie di negoziazione e costruzione della propria identità sociale e della propria dignità personale. L’ipotesi di fondo dalla quale è partita l’indagine, infatti, è che vivere in condizioni economicamente e socialmente marginali non costituisca di per sé il presupposto per seguire esclusivamente la logica del bisogno fisico e della sua soddisfazione. Piuttosto, occorre riconoscere l’attivazione di processi di negoziazione delle necessità, anche di quelle più basilari, quali quelle alimentari. Pertanto, attraverso una indagine sul campo realizzata su 3 studi di caso - le tre mense principali della realtà bolognese (Caritas, Antoniano, mensa comunale di via del Porto) – sono state indagate le pratiche di consumo alimentare delle fasce deboli, concentrando il focus dell’analisi sui modi in cui i comportamenti e le pratiche di consumo di cibo entrano nella costruzione dell’identità sociale delle persone che dispongono di risorse (economiche, relazionali, culturali) limitate.

Un pasto caldo, ma non solo

MUSARO', PIERLUIGI;BERGAMASCHI, MAURIZIO
2009

Abstract

L’oggetto di analisi riguarda i comportamenti e le pratiche di consumo alimentare di alcune fasce deboli della popolazione, con particolare attenzione ai luoghi di fruizione dei pasti o di reperimento del cibo, nel tentativo di rilevare le strategie di negoziazione e costruzione della propria identità sociale e della propria dignità personale. L’ipotesi di fondo dalla quale è partita l’indagine, infatti, è che vivere in condizioni economicamente e socialmente marginali non costituisca di per sé il presupposto per seguire esclusivamente la logica del bisogno fisico e della sua soddisfazione. Piuttosto, occorre riconoscere l’attivazione di processi di negoziazione delle necessità, anche di quelle più basilari, quali quelle alimentari. Pertanto, attraverso una indagine sul campo realizzata su 3 studi di caso - le tre mense principali della realtà bolognese (Caritas, Antoniano, mensa comunale di via del Porto) – sono state indagate le pratiche di consumo alimentare delle fasce deboli, concentrando il focus dell’analisi sui modi in cui i comportamenti e le pratiche di consumo di cibo entrano nella costruzione dell’identità sociale delle persone che dispongono di risorse (economiche, relazionali, culturali) limitate.
Consumi ai margini
85
105
P. Musarò; M. Bergamaschi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/79890
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact