Attraverso l'analisi di un contratto d'affitto di un impianto di bagni pubblici si definisce la durata della Quaresima alla fine del V secolo d.C., precisando l'importanza sociale che rivestiva il digiuno, e l'apporto che il confronto tra fonti letterarie e papiri può dare alla conoscenza della società civile e religiosa dell'epoca.

Bagni e digiuni in un papiro fiorentino: a proposito di P. Flor. III, 384 recto

Lucia Criscuolo
Primo
2020

Abstract

Attraverso l'analisi di un contratto d'affitto di un impianto di bagni pubblici si definisce la durata della Quaresima alla fine del V secolo d.C., precisando l'importanza sociale che rivestiva il digiuno, e l'apporto che il confronto tra fonti letterarie e papiri può dare alla conoscenza della società civile e religiosa dell'epoca.
E me l’ovrare appaga. Papiri e saggi in onore di Gabriella Messeri (P. Messeri)
395
401
Lucia Criscuolo
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/786306
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact