Elogio dello scarto e della resistenza