Travestirsi per riconoscersi: Aminta e la corte estense