Il saggio esamina alcune delle principali posizioni che animano il dibattito attuale sulla qualificazione del concetto di vulnerabilità, sviluppatosi negli ultimi due decenni, orientate a comprenderne le ricadute in termini normativi nell’ambito dell’etica, della politica e del diritto, e ha portato ad una rilettura critica di alcuni dei concetti portanti e trasversali all’idea di soggetto morale e di soggetto di diritto, tra i quali quelli di agency, intesa come condizione valoriale che conferisce status morale e diritti, autonomia e capacità.

Definire e comprendere la vulnerabilità sul piano normativo: dalla teoria al metodo critico?

Silvia Zullo
2020

Abstract

Il saggio esamina alcune delle principali posizioni che animano il dibattito attuale sulla qualificazione del concetto di vulnerabilità, sviluppatosi negli ultimi due decenni, orientate a comprenderne le ricadute in termini normativi nell’ambito dell’etica, della politica e del diritto, e ha portato ad una rilettura critica di alcuni dei concetti portanti e trasversali all’idea di soggetto morale e di soggetto di diritto, tra i quali quelli di agency, intesa come condizione valoriale che conferisce status morale e diritti, autonomia e capacità.
La vulnerabilità come metodo. Percorsi di ricerca tra pensiero politico, diritto ed etica
43
64
Silvia Zullo
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/766541
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact