Anche con il ricorso alle notazioni di poeti che, da Wordsworth a Carducci, fino a Gozzano e oltre, hanno dedicato componimenti in lode del sonetto, si analizzano le caratteristiche formali e le implicazioni metriche e stilistiche di questo genere lirico, analizzando in particolare i sonetti di un giovane poeta contemporaneo che, insieme con altri, aspira a rilanciare le forme metriche della più antica e gloriosa tradizione lirica italiana, in controtendenza rispetto all'anarchia e al dilettantismo della poesia di oggi.

«Il nobile edifizio eretto su quattordici colonne»

BATTISTINI, ANDREA
2009

Abstract

Anche con il ricorso alle notazioni di poeti che, da Wordsworth a Carducci, fino a Gozzano e oltre, hanno dedicato componimenti in lode del sonetto, si analizzano le caratteristiche formali e le implicazioni metriche e stilistiche di questo genere lirico, analizzando in particolare i sonetti di un giovane poeta contemporaneo che, insieme con altri, aspira a rilanciare le forme metriche della più antica e gloriosa tradizione lirica italiana, in controtendenza rispetto all'anarchia e al dilettantismo della poesia di oggi.
Sonetti
v
xxxiii
Battistini A.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/76394
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact