Il progetto di studio delle mummie di Roccapelago, nato in seguito al ritrovamento, nella cripta della locale chiesa della Conversione di San Paolo Apostolo, dei resti di oltre 400 individui, molti dei quali parzialmente mummificati, ha previsto, fin dall’inizio, un approccio multidisciplinare volto all'integrazione dei risultati scaturiti dalle indagini archeoantropologiche, paleodemografiche e paleopatologiche con quelli prodotti dalle analisi genetiche dei reperti. A questo scopo è stato programmato, tra l’altro, anche uno studio diacronico del DNA finalizzato a indagare la struttura e le dinamiche della popolazione di Roccapelago nell’arco di circa quattro secoli, cioè dalla fase più antica di uso sepolcrale della cripta fino alla comunità attualmente vivente. La selezione dei campioni oggetto dello studio ha perciò riguardato sia i reperti antichi, risalenti a un periodo compreso tra il XVI e il XVIII secolo, sia membri attuali della comunità locale.

Paleogenetica e paleodemografia degli antichi abitanti di Roccapelago / Elisabetta Cilli, Mirko Traversari, Sara De Fanti, Patrizia Serventi, Stefania Sarno, Andrea Quagliariello, Chiara Panicucci, Marta Maria Ciucani, Gianmarco Ferri, Donata Luiselli, Giorgio Gruppioni. - ELETTRONICO. - (2020), pp. 149-157.

Paleogenetica e paleodemografia degli antichi abitanti di Roccapelago

Elisabetta Cilli;Mirko Traversari;Sara De Fanti;Patrizia Serventi;Stefania Sarno;Andrea Quagliariello;Marta Maria Ciucani;Donata Luiselli;Giorgio Gruppioni
2020

Abstract

Il progetto di studio delle mummie di Roccapelago, nato in seguito al ritrovamento, nella cripta della locale chiesa della Conversione di San Paolo Apostolo, dei resti di oltre 400 individui, molti dei quali parzialmente mummificati, ha previsto, fin dall’inizio, un approccio multidisciplinare volto all'integrazione dei risultati scaturiti dalle indagini archeoantropologiche, paleodemografiche e paleopatologiche con quelli prodotti dalle analisi genetiche dei reperti. A questo scopo è stato programmato, tra l’altro, anche uno studio diacronico del DNA finalizzato a indagare la struttura e le dinamiche della popolazione di Roccapelago nell’arco di circa quattro secoli, cioè dalla fase più antica di uso sepolcrale della cripta fino alla comunità attualmente vivente. La selezione dei campioni oggetto dello studio ha perciò riguardato sia i reperti antichi, risalenti a un periodo compreso tra il XVI e il XVIII secolo, sia membri attuali della comunità locale.
2020
Le Mummie di Roccapelago. Un progetto pilota di ricerca interdisciplinare tra archeologia, antropologia, storia e scienze applicate
149
157
Paleogenetica e paleodemografia degli antichi abitanti di Roccapelago / Elisabetta Cilli, Mirko Traversari, Sara De Fanti, Patrizia Serventi, Stefania Sarno, Andrea Quagliariello, Chiara Panicucci, Marta Maria Ciucani, Gianmarco Ferri, Donata Luiselli, Giorgio Gruppioni. - ELETTRONICO. - (2020), pp. 149-157.
Elisabetta Cilli, Mirko Traversari, Sara De Fanti, Patrizia Serventi, Stefania Sarno, Andrea Quagliariello, Chiara Panicucci, Marta Maria Ciucani, Gia...espandi
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Cilli DNA Roccapelago 2.pdf

accesso aperto

Tipo: Versione (PDF) editoriale
Licenza: Licenza per accesso libero gratuito
Dimensione 2.17 MB
Formato Adobe PDF
2.17 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/762635
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact