S-confinamenti dei generi e delle sessualità: possibili travisamenti nel riconoscimento della protezione internazionale