Toti Scialoja, “I segni della corda”