L’omicidio e la sparatoria. Le logiche mediali nel «caso Macerata»