Parlare di mafie nel Nord Italia, oggi, non stupisce; ma per lungo tempo questo tema è stato sottovalutato o rimosso. Le indagini giudiziarie ne hanno accertato l’infiltrazione nell'economia, legale e illegale, del Settentrione svelando la collaborazione di persone insospettabili; le ricerche scientifiche hanno analizzato le forme di integrazione delle mafie, non più relegate nel lontano Meridione; di camorra, ’ndrangheta e cosa nostra si occupano i mass media; il contrasto della criminalità mafiosa è parte dell’agenda politica, con un parallelo sviluppo dei progetti per la legalità. A partire dai risultati di un’indagine sulla percezione delle mafie al Nord, condotta tra gli studenti della provincia di Rimini e i loro genitori, e muovendo dall'espansione mafiosa come trapianto, colonizzazione o effetto del capitale sociale, il volume evidenzia le zone di confine tra lecito e illecito, coercizione e consenso, invisibilità e reputazione del metodo mafioso in Emilia-Romagna e discute di fiducia e reputazione quali risorse del campo simbolico mafioso. La fiducia rimanda agli elementi che incidono sulla percezione di uno Stato più o meno forte rispetto alle mafie e sulla disaffezione che pregiudica l’impegno civico della comunità. La reputazione del “marchio mafia” – veicolata da stampa, cinema, TV, musica, videogiochi – spiega perché, nell'immaginario delle giovani generazioni, sia diffusa una sorta di invincibilità delle mafie.

I confini delle mafie. Il crimine organizzato in provincia di Rimini

Stefania Crocitti
2018

Abstract

Parlare di mafie nel Nord Italia, oggi, non stupisce; ma per lungo tempo questo tema è stato sottovalutato o rimosso. Le indagini giudiziarie ne hanno accertato l’infiltrazione nell'economia, legale e illegale, del Settentrione svelando la collaborazione di persone insospettabili; le ricerche scientifiche hanno analizzato le forme di integrazione delle mafie, non più relegate nel lontano Meridione; di camorra, ’ndrangheta e cosa nostra si occupano i mass media; il contrasto della criminalità mafiosa è parte dell’agenda politica, con un parallelo sviluppo dei progetti per la legalità. A partire dai risultati di un’indagine sulla percezione delle mafie al Nord, condotta tra gli studenti della provincia di Rimini e i loro genitori, e muovendo dall'espansione mafiosa come trapianto, colonizzazione o effetto del capitale sociale, il volume evidenzia le zone di confine tra lecito e illecito, coercizione e consenso, invisibilità e reputazione del metodo mafioso in Emilia-Romagna e discute di fiducia e reputazione quali risorse del campo simbolico mafioso. La fiducia rimanda agli elementi che incidono sulla percezione di uno Stato più o meno forte rispetto alle mafie e sulla disaffezione che pregiudica l’impegno civico della comunità. La reputazione del “marchio mafia” – veicolata da stampa, cinema, TV, musica, videogiochi – spiega perché, nell'immaginario delle giovani generazioni, sia diffusa una sorta di invincibilità delle mafie.
166
9788843092925
Stefania Crocitti
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/742836
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact